M49 – La sua storia diventa un podcast

La storia di M49 – l’orso più famoso d’Italia – diventa un podcast, ascoltabile e diffondibile liberamente. 

M49 – La sua storia diventa un podcast

Si intitola M49 – una storia di uomini e persone il podcast del quotidiano Il Post realizzato da Andrea Genzone e Gabriele Bertacchini uscito il 30 luglio 2021 su tutte le principali piattaforme.

Quattro episodi in cui, a partire dalla ricostruzione delle ripetute fughe e catture dell’orso che tanto ha fatto parlare di sé, si cerca di capire e spiegare perché la presenza degli orsi in libertà sia considerata un problema da alcuni e una risorsa da altri. Dando voce alle diverse parti in causa, il podcast vuole restituire agli ascoltatori la complessità di un tema che va oltre le vicende di un singolo orso, e può dire molto sul rapporto tra uomo e natura.

Negli anni Novanta sulle Alpi italiane gli orsi bruni erano praticamente estinti, a causa della caccia e dell’espansione delle attività umane. Poi un ambizioso progetto si diede l’obiettivo di ripopolare le Alpi di orsi: dieci esemplari furono prelevati dalla Slovenia e portati in Trentino. Oggi gli orsi sono più di un centinaio. La convivenza però non è facile. Uno di questi orsi, M49, ha una storia particolare.

Viene catturato, fugge da un recinto elettrificato. Ne è nata una forte discussione tra la popolazione locale, alimentata e distorta dall’informazione e dalla politica.

La convivenza tra umani e animali selvatici è condizionata da interessi economici, certezze e abitudini a cui non sempre si vuole rinunciare…

– Primo episodio, L’orso confidente (23′ 04″)
In Trentino gli orsi non c’erano più: li abbiamo portati noi. Orsi e persone hanno dovuto ricominciare a convivere, ma la convivenza è condizionata da interessi economici, certezze e abitudini a cui non sempre si vuole rinunciare.

– Secondo episodio, La fuga (20′ 39″)
Il 14 luglio 2019 l’orso M49 è stato catturato dagli agenti del corpo forestale trentino. Come è influenzata da comunicazione e informazione la convivenza tra orsi e persone? Quanto è fondata la paura degli orsi selvatici?

– Terzo episodio, Torna a casa (20′ 37″)
M49 ci ha messo poco a scappare, nonostante il recinto elettrificato. La libertà dell’orso ha riacceso le polemiche: non solo su M49 ma anche sul progetto con cui le persone hanno riportato gli orsi in Trentino.

– Quarto episodio, L’ultima estate di libertà (19′ 36″)
L’ennesima cattura, l’ennesima fuga, e discussioni che non si sono mai fermate. Il caso degli orsi in Trentino apre alcune questioni sul rapporto tra persone e natura.

Dicono gli autori
Come ogni tema, anche la convivenza tra orso ed essere umano richiede un approccio curioso. È quello che abbiamo cercato di fare con M49 – una storia di orsi e persone. Abbiamo cercato di dare voce ai diversi punti di vista. Abbiamo incontrato molte persone che hanno a cuore l’orso, hanno a cuore l’uomo, e vorrebbero soltanto che le due cose non si escludessero. Tuttavia, abbiamo forse dimenticato di essere parte della natura. Siamo ossessionati dall’idea di gestire ogni cosa. Il mondo che abbiamo creato, del resto, per stare in piedi così come lo abbiamo pensato, ha bisogno di questa illusione, finendo per governarci e mettendoci di fronte ad una domanda: dove ci ha portato il nostro atteggiamento, dove ci porterà?”

Nel corso delle 4 puntate intervengono
Alessandro De Guelmi, veterinario che ha collaborato alle prime operazioni di cattura di M49; Andrea Mustoni, zoologo e coordinatore tecnico del progetto Life Ursus; Antonio Liberatore, veterinario che fa parte della rete di monitoraggio dell’orso marsicano; Claudio Groff, coordinatore del Settore Grandi Carnivori (Provincia Autonoma di Trento); Davide Celli, attivista ecologista; Doriana Sarli, veterinaria e parlamentare che ha visitato il recinto del Casteller; Filippo De Gasperi, consigliere provinciale; Marco Ianes, docente di scuola secondaria; Ornella Dorigatti, delegata di OIPA per la Provincia di Trento; Simone Stefani, vicepresidente della LAV; Ruth Pozzi, vicepresidente di Animalisti ETS; residenti, escursionisti e lavoratori in Val Rendena (TN).

Gli autori
Andrea Genzone
, educatore professionale e autore freelance esperto di temi sociali. Ha pubblicato il libro Funamboli sulla strada, l’infanzia che resiste a Città del Guatemala.
Gabriele Bertacchini, naturalista, divulgatore ambientale, fondatore di AmBios. Ha pubblicato i libri ll mondo di cristallo, L’orso non è invitato e Il pesce è finito.

Pubblicato il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *