Una montagna di vita

Ad Asiago, al Museo Naturalistico “Patrizio Rigoni” e in altre due sedi, fino a domenica 8 novembre 2020 sarà presente la mostra fotografica dal titolo Una Montagna di Vita – Ecosistemi d’Alta Quota e Cambiamenti Climatici, esposizione fotografica curata da CNR-IGG e Progetto di Interesse “NextData”, in collaborazione con AFNI (Associazione Fotografi naturalisti Italiani) ed IBEX che nasce per illustrare gli ecosistemi montani italiani e i complessi processi che ne determinano la loro dinamica creando un ponte fra fruizione estetica e divulgazione scientifica.

Il Museo dell’Acqua di Asiago

L’evento si inserisce nella ricca programmazione estiva del Museo, che prevede oltre alle aperture tutti i giorni, anche escursioni per famiglie, laboratori scientifico creativi per ragazzi, laboratori per bambini, esperienze in natura per tutta la famiglia e la possibilità di scoprire le novità digitali del Museo. La mostra ospitata in tre sedi museali, Museo NaturalisticoMuseo dell’Acqua e Sala polifunzionale Palazzo Millepini, è stata realizzata da CNR-IGG attraverso una chiamata pubblica di fotografi naturalisti e associazioni di fotografia naturalistica che sono stati coinvolti nella realizzazione del volume Una Montagna di Vita – Ecosistemi d’alta quota e cambiamenti climatici per illustrare gli ecosistemi montani italiani e i complessi processi che ne determinano la dinamica. Le ampie didascalie e i brevi testi che accompagnano la raccolta di immagini intendono creare un ponte fra fruizione estetica e divulgazione scientifica. Proprio dalla realizzazione del volume nasce l’idea di diffondere questo modo di vedere il mondo attraverso una grande mostra fotografica. Attraverso le immagini dei fotografi naturalisti che hanno contribuito alla mostra sono raccontate le principali tipologie di ecosistemi montani italiani e le differenze tra regioni e quote diverse, le caratteristiche principali degli ecosistemi e gli adattamenti di piante e animali alle difficili condizioni della montagna, i rapporti esistenti tra le varie componenti degli ecosistemi e la complessa interazione tra attività umane e ambiente montano.

NextData è stato un progetto di interesse strategico approvato nel Piano Nazionale della Ricerca del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, che si è svolto nel periodo 2012-2018. Questo progetto, coordinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, è dedicato allo studio dell’ambiente montano in Italia. NextData ha lo scopo di fornire informazioni quantitative sullo stato e sui cambiamenti climatici e ambientali passati, presenti e futuri nelle regioni montane italiane e più in generale sulle ricostruzioni del clima del passato nel territorio italiano, favorendo un accesso libero e facilitato ai dati, ai risultati e alle conoscenze prodotte. L’approccio multidisciplinare combina monitoraggi in campo, uso di dati satellitari, ricostruzioni climatiche per gli scorsi millenni e simulazioni numeriche del clima e delle condizioni ambientali nelle montagne italiane per i prossimi decenni. Un obiettivo rilevante è l’implementazione di una rete integrata climatica di alta quota nelle montagne italiane.

La mostra Una Montagna di Vita – Ecosistemi d’Alta Quota e Cambiamenti Climatici è visitabile durante gli orari di apertura dei Musei: tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18 e dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 nella sala polifunzionale.
Durante il periodo estivo il museo organizza molte attività e laboratori con tematiche connesse alla mostra.

Per maggiori informazioni sul progetto: http://www.nextdataproject.it/

Pubblicato il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *