Mattia Dori – Esplorando nel profondo

Le Alpi, la montagna, la verticalità sono elementi che sento particolarmente vicini. Li cerco, li frequento e mi ci immergo ogni volta possibile.

In ogni momento della vita ho cercato un rapporto con questi elementi, ogni volta diverso. In principio con curiosità e timore, più avanti nel tempo come sfida da alpinista o runner, ed infine il sentimento è mutato e si è trasformato in senso di meraviglia e richiamo all’esplorazione. Col tempo si è fatta sempre più necessaria la voglia di esplorare. Non solo i luoghi ma anche e soprattutto la vita degli animali selvatici, la selvaticità come espressione di vita.

Ora sfrutto ogni momento libero per ricercare la natura e tentare di darne una mia interpretazione con la fotografia.

Le immagini che cerco sono spesso più vicine alla fantasia, ad un mio mondo immaginifico, che alla realtà. Questo succede perché cerco di imprimere su quel pezzo di silicio, che è il sensore della macchina fotografica, quella sensazione di profonda intimità che sento con la natura. E nella mia mente ha solo un modo per esprimersi ed è con immagini delicate ed evanescenti. Con le mie fotografie infine cerco di trasmettere l’immensa pace che la natura mi dona, ed allo stesso tempo tento anche di rappresentare l’estrema fragilità del mondo naturale.

Quando vado in ambiente cerco sempre di farlo nel modo più rispettoso possibile. Cercando di non lasciare traccia, cercando di essere il più possibile invisibile. Essere silenzioso, ascoltare con tutti i sensi è la regola per tentare di essere parte di quel mondo che oggi appare così lontano e distante ai più. La mercificazione esasperata della montagna sta allontanando sempre di più l’uomo dalla natura, dalla consapevolezza che bisognerebbe avere quando si entra in un mondo dove noi, come uomini, siamo solo una delle piccole parti in esso e non il fulcro di tutto.

In fondo, noi in natura diventiamo quelli che siamo, animali nudi, fragili, indifesi che si affidano solo ai propri sensi per sopravvivere. Dovremmo imparare a capire, ad ascoltare quello che la natura ci suggerisce e lasciare che la natura stessa ci indichi la strada.

Mattia Dori è nato e cresciuto in Trentino. Appassionato fino dall’infanzia dagli ambienti boschivi e dalle montagne, ha sempre cercato un contatto profondo con la natura, osservando e studiando i comportamenti e le abitudini degli animali. Si è accostato alla fotografia, in occasione dei suoi primi viaggi, impiegando camere analogiche e pellicole in bianco e nero. Natura e fotografia sono divenute quindi un’esperienza inscindibile e la sua fotografia si concentra sul paesaggio e sulla lettura del mondo animale, con particolare interesse per le immagini che ritraggono la fauna alpina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *